S-cianco (Lippa)
 

Poesie

Vai alle poesie sul "Toca tì" >>



VIVA EL TORNEO DE S-CIANCO
 
Parte el s-cianco domila e siè,
on torneo meio on giro nol ghè!
On gran dafar ga i organizzatori,
permessi, volantini, premi e assessori.

I atleti ore de alenamento sul campo,
sudor, mal de schena, noti on bianco,
e se al s-cianco el colpisse là
calchedun da soprano el cantarà!  

E le done, poche ma de valor alto,
le ghe rimete de le onge al smalto,
e po le soporta omeni e guai
e no le se lamenta ma proprio mai!

Ma tuti e gà da afr con n'aautorità
Che come i verde boca.. te si fregà!
L'ARBITRO, importante figura,
quel che ga la vita piassè dura

i maneghi i deve misurar
e le discussioni suito chietar
calcadun ga la facia bonacciona
te credi ..i sera n'ocio, ma nol perdona!

Ma sti arbitri ciapali paga?
Risponde Andrea materassi capo del CAAGA
-noialtri tuti laoren per la gloria,
parchè sto zugo l'entri ne la storia!-

Solo al Viviani ghe piase s-ciancar,
ma l'è pi brao coi maneghi da misurar._
Ghe el Faineli lì da Corubio
che col s-ciancometro nol ga nessun dubio!

El segna i punti ben sul blocheto
Turi on fila el Francesco Mineto,
ocio de lince l'è Carcereri Silvano
che no ghe scapa fali de mano!

Se el zugador se rabia e contesta,
Demis Ferari ghe sbassa la gresta,
n'antro mastin l'è Ezio Sandroni
on mezo al campo i ghe fa da paroni;

on uti jè on squadron quei dal fis.ceto
ma on servissio o i bee on gosseto.
I tribula i fa però se te guardi la mieta..
Mi me par che no ghe sudor, l'è bela neta!!!

NERINA POGGESE

 

EL S-CIANCO

Ma savìo cosa l'è? Savìo almanco
quanto belo che l'è zugar a s-cianco?
L'è un zugo antico,un zugo de gran valia
Cesare, par, che el le zugasse in Galia!

El s-cianco? scominsiemo co la mare
parchè l'è l'elemento basilare
te ghe pici de sora el manganel
che più forte te pici e più l'è bel.

Te bati al centro quela spagnoleta
chè, trarla più distante l'è la meta
sempre però che no i le brinca al volo
se invesse la va ben la casca al suolo!

Te ghè dirito a far altri tri tiri
te pici sul canton, po' te te giri
te bati el s-cianco (,no far pimpinela!)
se i te le ciapa in man l'è na capela!!

Che alora su la mare i pol tirarlo
ma ti,baston in man,te pol ciaparlo
se no i le ciapa te pol dichiarare
quanti s-cianchi ghe manca par la mare.

Se no i ghe crede alora inissia el rito
de la misurassion col s-cianco drito.
Se t'è blefado, alor te paghi el fio
specie se t'è ciama"manganel mio!"

E alora giusto el fegato te scopia
parchè te l'è ciamà co la ridopia!
I americani el besbòl i ha inventà
cos'elo el besbòl? S-cianco ben copià!

Questo parchè nojaltri de Verona
tuto saremo, ma no çerto mona
bon s-cianco alora a tuti i s-ciancoloti
avì zugà.... e 'desso iè pronti i goti !

E mi che ho scrito apunto sto stramboto
me merito de çerto un dopio goto.

RAVA 25.09.02

 

2006 S-CIANCO

No ghe du sensa tri! Dise el deto,
ma vinser anca st'ano n'alntro scudeto.
Per quei dal Sero mi go paura,
che la vedo as-cia ma tanto dura!

Sul campo la neve ancora la ghè
E finora no i sa propo alenè.
I avversari no i sta mia lì a vardar,
jè forti e el titolo i vol concuistar!

Le done dei zugadori jè on pensier,
l'onor del Sero bisogna mantegner,
almanco quel che el staga su,
che i sia omeni pimpanti e no dei fu!

La moier del toni ghe sbate l'oveto,
e la le manda bonora on leto,
quela del Carce ghe dise de no,
a fine torneo te la darò

e la ghe sconde la bossa de vin.
La Patrissia al Paolo ghe fa on massagin.
La luigia minacia el so Gabriele,
se te perdi te dormi soto le stele!

Giovani el fa voto de 'na vita sana,
se vinsen basta ciche solo..calche cana!
Anca el mario el va a erbe, bosse de camomilla
Che l'arbitro Camilo el ghe distila.

El renso basa, cocola la so Vitoria,
sperando la porti fortuna e gloria,
dise el Dino alenator dei ragassi
-se vinsen me fo la cereta sui brassi!-

-E mi me fasso i bafi rosa a puà!-
conta mister Antonio Adami on po esaltà!
Scongiuri, corni, fioreti e ceri
I promete de far tuti sinceri,

e mi che no beo, no fumo, no go marì..
no rinuncio a gnente e me va ben cossì!

NERINA POGGESE

 

EL MITICO LELLO

Un giorno, su “L’Arena” (el Bugiardello)
N’articolo i ha stampà, ma tarocà
Dove i parlava del “Mitico Lello”
Ma l’era n’altro….i s’aveva sbaglià

Ma da alora è scocada na scintilla
Credendolo el campion i l’ha sfidà
A smanetar col calcio, quel balilla
In qualsiasi canton dela cità

Lu el s’ha impegnà el s’ha impegnà ala morte
Difendendo i color de la Carena
Difondendo i valori dela Corte
Sempre deciso sensa far na piega

par rilanciar i zughi de na olta
s-cianco, calceto, pice, quercioleti
che te fassa rivar a quela svolta
da far contenti veci e buteleti

mi, cercando de far come convien
ghe dedico de gusto sto stramboto
a sto bel grande consaossizen!!
E Lu, se sa, ricambiarà con n’goto.

RAVA 21/12/03

 

la mare

ADESSO BASTA...

Adesso basta, adesso delinquenti
Vojaltri e tuti quanti qei parenti
Che v'ha juta nel compiar el misfato
Adesso ch'è pagado zà el riscato

Tirè fora la mare, sacramento!
Ormai l'è zà rivado quel momento
Vegnì fora a l'aperto farabuti
el zugo l'è finido, fora tuti!!

Stè atenti ben che semo un po' incassadi
Tirè fora la mare malcagadi!!!
se no ve brancharemo porta a porta
Lello, Chary, Giuliano...e mi de scorta

L'è parchè i rapidor iè conossemo
E alora i sapia: l' è qua che iè spetemo
Prima che i altarini i se derquerza
Qua ghe faremo un cul come na verza!!

Rava 03.05.03

 

FOR DALA PORTA DEL VESCOVO MORO
PAR TUTI QUEI CHE SERCA RISTORO
TRA BONA GENTE, GENTE DE RASSA,
DE LIBERO VINCO ECO LA PIASSA

Ciao son la Mare, si quela là,
proprio la Mare dela cità.
Cosa credevi, che fusse scapada?
Opur che me fusse desmentegada
dela piasseta, mejo la corte,
tra vicoleti e viete storte
dove son nata, a San Mamaso.
A tuti voialtri ve mando un baso.

For dal buzeto 'ndo m'avei messo
sto mile olte meyo adesso
Te passi la Porta del Vescovo moro
e se te vol trovar ristoro
tra bona gente, gente de rassa,
de LIBERO VINCO eco la piassa,
ghe la fontana, la cesa, i giardini,
dove ghe zuga noni e neodini.

Come grandessa no ghe paragon,
l'è la più granda de tuto el rion.
Ghe l'aria bona, tanta alegria,
facce contente e de compagnia.
Son sistemada in cantineta
Tra du salami e na panseta
in mezo a botilie de bianco e de rosso
più de così, credime, no posso.

Qua mi no devo solo vardar,
el vin finalmente i m'ha fato tastar.
Sta residenza, ciamemola, estiva,
l'è un fià più bela, più calda, più viva.
Abituada tra tuti vecioti,
gnanca da metar sti bei buteloti
I ha dito par n'ano, mi ho dito "Solo?"
Se lori no i mola, mi no li molo.

Soto Nadal son ritornada
par farve i auguri. Che sfachinada!
Tuti a vardarme, tocarme, palparme;
par ben tre olte i volea robarme.
Anca l'ostessa!!! Vate a fidar.
Ho dito "mai più". No steme spetar.
No vedeo l'ora de ritornar
tra quei che el manego sa doparar.

Intanto par st'ano son al sicuro,
tra mi e voialtri de mezo ghe un muro.
Se rivedaremo al "Cità de Verona".
Par mi podì tuti andar anca in m.

gion

Buon Natale 2004
 

EL RATO DE LA MARE

Mi digo, lo so, ai nostri tempi
Ghe n’è de la gra brava gente
Ma gh’è anca un gran delinquente
Del quale ve fasso i esempi

Un gran delinquente par mi
L’è quel che te adultera i vini
Che incula i zugheti ai butini
Che ciava la gente ogni dì

Che incula le cuerte ai barboni
Che roba limosine in cesa
Che mola na bruta scoresa
Che a stadio te rompe i cojoni

Ma el più delinquente de tuti
L’è quel che no stima so pare
L’è quel che te ciava la mare
L’è el Nobel dei gran farabuti

La mare, spieghemose ciari,
l’è quela che serve pal s-cianco
de ela no pol far de manco
ne l’ AGA ne tuti i s-ciancari

La mare cioè quela del s-cianco
Regnava qua a le Petarine
La mare segnava el confine
Tra i mejo e quei ch’è… de manco

Ma un qualche slandron, n’invidioso
El me l’ha ciavà el l’ha inculada
L’è stada na grossa porcada
De cui no pol essar orgoglioso

Parchè l’era un grande Trofeo
Na piera diria benedeta
Saria come dir che Giulieta
Ghe nega la gnoca a Romeo!

E alora ladron!! desso scolta
Se mai te paghemo el riscato
Giuliano l’è ndà via de mato
Ti daghe la mar(e) de reolta!!

RAVA 17-4-03

 

EL RATO DE LA MARE 2

La storia l’è piena de rati
No topi, bensì rapimenti
Cioè sempre gran delimquenti
Dei quali ve ilustro i misfati

Ancora ne l’antichità
Se parla de qualche rapina
Pluton l’ha robà Proserpina
Pa n’rato na guerà è scopià

Parlemo de quela ciavada
Con Elena, Paride, Ulisse
(le copie no iera mai fisse)
na guera par na gran trojada

romani! No stemo a parlar
de fighe ghe n’era pochine
così i ha ciavà le Sabine
..da alora i continua a robar

e qua n’altro rato bisogna
che mi ve lo deva ilustrar
a Modena i s’ha da da far
ciavando na secia a Bologna

Vedì che la storia ne parla
De rati, sequestri e rapine
Ma certo che a le Petarine
La mare se pol riscatarla

E alora sa feto? Riscata
Giuliano, stà chieto, stà chieto’
Se no i t’ha mandado un tocheto
Vol dir che la mare l’è intata

Se po’ te ne disi che el gesto
L’è stada n’ofesa par tuti
Un gesto da gran farabuti
Con ti son d’acordo e con questo

Con tuti i s’ciancari e con l’AGA
Dimostrete ti un gran signor
No stà coltivarte el dolor
Insoma ..ti paga…ti paga.

RAVA17-04-03

 

Martedì 19 Marzo 2002. (L'Arena)

Ci la vol cota e ci... A sto mondo semo de tante teste e de tante panze, siamo diversi di pensiero e di gusti; non solo, tante teste e tante panze, ma anche tante usanze, in concreto ognuno vive secondo la sua indole e secondo quanto gli propone l’ambiente, che crea usi e costumi. Sicché, nella vita in comune ci la vol cota e ci la vol crua, cotta o cruda, a ci ghe piase el duro e a ci ghe piase el molo, una frase a doppio senso, ma che ribatte il concetto iniziale. Ci sono poi parole che passano da un significato all’altro come pandolo che può indicare il gioco dello s-cianco, della lippa, oppure un biscotto. Nell’uno e nell’altro caso, non tutti sono dello stesso pensiero e degli stessi gusti. A proposito dello s-cianco, a chi ghe piase la mazza (massa) e a chi el pandolo, chi preferisce la mazza da battere e a chi la lippa; altrettanto si può dire del cappuccino col biscotto, chi ghe piase la pana e chi el pandolo, la panna o il biscotto. Tornando sui vari significati, notiamo che pandolo assieme anche all’indicazione di persona impacciata, stupida: tasi ti che te si on pandolo, o semplicemente te si on pandolo, un ingenuo.



A MI ME MÓE ‘N BINDOLÀR SALVÈGO

(Vernacolo veronese)

A mi me móe ‘n bindolàr salvégo
nele ore che sculìna pian le ombrìe
coando la chiete che pitura la màscara del sono
la tira sfrìsi mati in facia ale lumère…
“Salta moléta che son chì che vegno!
“Salta che te tegno!”…
…spìrla el ritornel del’eco ch’èrpega ancora
su l’oridèl dele stajon…
Ma che ciùcio gh’è a imbogonàr i oci
Se la note la cùcia de stroo ogni orisonte
e ‘ l so ìspio no ‘l desmònta mai
dal birocìn che core e core…?
Che ciùcio gh’è a impontelar de udo
ci no gà gambe e brassi e man,
e gnanca…. cipria in muso…?
Tira el s-ciànco dai, fa presto!
E dopo stà lì fermo, lì… lì ala mare.”…
I è sute oramai le tete dela mare!...

I veci i rancura ala orba l’ultimo gosso.
E la toaja?… e ‘l pan?
Ci cata su le fregole?
La note…? O la memoria che se sfanta ìa
e se strapéga con la baa ala boca…?
O la resòn del vivar
ch’impasta de fichetòn l’ancò nel Tempo?…
“Bogo, bogonèla,
tira fora i corni se no te meto in padéla!”
L’è rùspia la foréta ‘sta note,
e garba.
Le coerte le à ‘dotà anca l’anima del fredo.
E da ‘n sofito scuro sensa mai confini
spìngola na sfesidura che te par de ciaro.
…Ma l’è solo ‘n pissigón de luna.
Amaro.

MI SOSPINGE UN RAMINGARE SENZA META

(traduzione approssimativa)

Mi sospinge un ramingare senza meta
nelle ore che vezzeggiano le ombre
quando la quiete che colora la maschera del sonno
traccia segni strani sulla faccia delle illusioni…
“Salta arrotino che sto per arrivare!
Salta che ti sosterrò!”…
… s’avvita il ritornello dell’eco ch’erpica ancora
all’orlo delle stagioni…
Ma che soddisfazione c’è a tendere gli occhi
se la notte fiacca di buio ogni orizzonte
e il suo rancore non scende mai
dal barroccio che corre e corre…?
Che soddisfazione reca il puntellare di vuoto
chi non ha gambe braccia e mani
e nemmeno… cipria sul viso…?
“Lancia la lippa dai, muoviti!
E dopo stai lì fermo, lì… lì alle tue radici!”

I vecchi raccolgono alla cieca l’ultimo goccio.
E la tovaglia?… E il pane?
Chi fa sue le briciole?
La notte?… O la memoria che si dilegua
trascinandosi con la bava alla bocca…?
O la ragione del vivere
che mischia all’impazzata l’oggi nel Tempo?…
“Lumaca, lumachina,
tira fuori le corna se non vuoi finire in padella!”
È ruvido il guanciale questa notte,
ed aspro.
Le coperte hanno adottato anche l’anima del gelo.
E da un soffitto scuro senza mai confini
pende una fenditura che ti sembra di chiaro.
…Ma è solo un pizzicotto di luna.
Amaro.

 

Toca tì... far la poesia!

Rava

17 settembre 2003

TOCA TI'

L'invito è ciaro...dai..te "toca ti"
L'ha scrito l'AGA sul so manifesto
Alora me son dito "dai..fa presto"
Guarda che i tè l'ha dito "Toca ti!"

Sì, toca ti, a butar zò do rime
Che esalta tuti i zughi de na olta
E na vosseta l'ha m'ha dito... "scolta
Ricordete dei zughi che s'ha persi

A ti che tè ghè ormai le tempie grise
Ciapa na bota de malinconia
Ciapa n'urton de grande nostalgia
Vedi de rinverdir le to raise

E meti in rima tuti sti bei zughi
Che la modernità l'ha cancelado
El tempo?? ...L'è passado... l'è passado".

 

BIRILLI

le bei, iè tuti quanti messi in fila
Un poco distansiadi l'un da l'altro
Par questo el tirador, el piasse scaltro
Mira nel centro par ciaparli tuti.

De tipi ghe n'è più de diesemila
Dipende dala forma, dai colori
Da come se le selie i zugadori
Comunque i sia no iè mai certo bruti

I gran zugatoloni mericani
Bowling i l'ha ciamà sto zugo chi
Co na baia ben grossa ne le mani

Se i le sbaglia i fa "straic" ma pensa tì!
Ma iè restadi ai tempi degli indiani
..mi intanto sto soneto l’ho finì!!

 

DAMA

La dama, ciò, l'è un zugo tanto vecio
Che i ghe zugava al tempo dela piera
Co na piereta bianca e n'antra nera
E ci perdea... na clava su la testa!

L' è un zugo che l'è ciaro come un specio
Le regole, se sa, iè sempre quele
Se tè fé un par de mosse, quele bele
Tè ve a damon è alora tè fé festa

Però sta tento... no l'è mia finia
La dama tè riserva gran sorprese
Solo el damon el por tornar indrio

No sta farte sofiar in certe prese
Sta tento ben a no pagar el fio
E manda el to rival a quel paese!

 

QUERCIOLETI

L'era belo zugar a quercioleti
I quercioleti? Bel zugo da Omo!
La mejo pista l'era in Piassa Duomo
Su quei longhi scalini tuti piera

Lì se catàimo in tanti buteleti
Lì portàimo la nostra scuderia
I Cavicchiolo, i Vesco e così via
Le foto dei ciclisti soto cera

Parchè i ciapasse più velocità
Par fortuna è restà i tapi corona
..però purtropo el tempo l’è passà

e sto tempo che passa nol perdona.
Mi, quasi quasi, zugo in Piassa Bra
anca se i me dirà…guarda che mona!

 
CALCIOBALILLA

EI calceto, ossia el calciobalila
L'è la mejo invension del dopo guera
Tè lo zugai in parochia fin a sera
Tè lo zugai al bar, anca de schei.

Quei bei ometi messi tuti in fila
Su le aste de fero a pessatar
Coi polsi l'era tuto un mulinar
E la baleta tè spacava i dei

Ti tè cercai de darghe anca de sponda
De darghe forte più che no se pol
Fintar, andar de tajo, andar de onda

Ciapar la bala anca con el col
De quei pori puoti in baraonda
Oh Dio! Me son distrato... i ha fato gol!!!

 

PICE

Ghè ci le ciama marmore, ci pice
Ci biglie, ci po' in altri cento modi
L'è un bei zugheto dove tè tè godi
Ch'el sia a "cico spana " o a "casteleto"

L'è un bei zugheto che tè fa felice
In tute quante sia le so versioni
Che le sia pice picole o picioni
Con tanti bei ciclisti "sottovetro".

In spiagia po' el tè da gioie infinite
Piste de sabia coi so bei costoni
Con ponti, con dissese, con salite

Alora digo che iè gran cojoni
Ci pensa che noi sia zugo de elite
Speta che tiro... e zò frignocoloni!

 

MORRÀ

La morrà "Un zugo antico come el mondo
El le zugava Abele con Caino
E così s'ha compiudo el so destino
...la olta che l'ha perso i l'ha copà!

L'avea tira la man ciamando "Tuta!"
L'altro l'ha tira fora solo un deo
L'ha vinto e po' el ghà fato marameo
Parche lu invesse avea ciamado "Cià”

La morrà l'è un bel zugo silensioso
Se fa par dir... no vinse ci più siga
Ma un bei sigo tè rende timoroso

E magari tè porta un po' de sfiga
E magari tè lassa un poco astioso
Ma no se vinse mai sensa fadiga!!

 

TROTTOLA

Un cono roersado con un ciodo
Na scuria giusta che la fa pirlar.
La trotola scominsia a mulinar
A girar vorticosa sul so asse.

Se poi tratarla in qualche altro modo
Frustarla de traerso con rispeto
...tornar a l'improviso buteleto
co n'antico entusiasmo che rinasse.

Sentir un longo sibilo ne l'aria
la trotola e la frusta in gran concerto
che tè da n'emossion straordinaria.

Zugar co la to trotola a l'aperto,
saor de na guduria proletaria
...deme la scuria a mi che son n'esperto!

RAVA 17.09.03


ERRORE: Non riesco a connttermi a MySQL! Controllare config.php .